cheap christian louboutin , christian louboutin sale, cheap ralph lauren, ralph lauren sale, Cheap Michael Kors, Michael Kors Australia, christian louboutin ouetlet uk Picci Blog / Picci Interviste: Mamma al primo sguardo
immagine-ok-300x278

Mamma dal primo sguardo

Pronti per un nuova Picci intervista?

Questo volta è il turno di Serena del blog Mamma dal primo sguardo!  Scopriamo che cosa ci racconta!


serena de giusti

 

NOME: Serena

ANNI: 36

FIGLI: Lavinia, di tre anni

BLOG:www.mammadalprimosguardo.com

TWITTER: mammadalprimosguardo (@laseredg) 

 

 

Parlaci un po’ di te. 

Sono nata il 30 Agosto 1978, sotto il segno della vergine. In ritardo di 10 giorni, avrei dovuto essere un leone. Ma nonostante il ritardo, gli astri e la luna, sono una vergine per eccellenza. Pignola, puntuale, organizzata. Ora un po’ meno, la maternità in questo un po’ mi ha cambiata, faccio fatica ad essere precisa come un tempo. Ma non per questo sono meno organizzata. Ho solo cambiato ritmi e metodo. Per esempio lo scorso anno ho iniziato a comprare i regali di natale a luglio e ho finito a ottobre. Per non dimenticare nulla, ho anticipato i tempi. Facile.

A giugno 2010 ero in vacanza con la mia amica del cuore a Formentera e ho conosciuto Giacomo. Fino a quel momento ero una giovane single di 32 anni. Festaiola e modaiola, capace però anche di passare i sabato sera a casa a guardare C’è posta per te, in solitudine. Amavo i miei spazi. Poi ho conosciuto lui e tre giorni dopo averlo incontrato ho capito che avrei voluto fosse il padre di mia figlia. L’ho detto a lui, che non è scappato, anzi. Sei mesi dopo abbiamo fatto il test di gravidanza, positivo. 9 mesi dopo, nasceva Lavinia. Da allora la nostra vita è cambiata. Da fidanzati pendolari del fine settimana, siamo diventati una famiglia pendolare.

La nostra vita è fatta di treni, di week end sempre in giro (una volta sale papà, una volta scendiamo noi), fatta di video chiamate tutte le sere e di tanti sospiri quando siamo lontani. Da una parte questo è anche il bello della nostra vita. Non ci si annoia mai. Ma è anche vero che non ci si riposa mai. Per questo non lo so quanto potremo andare avanti così. Per ora viviamo alla giornata, inutile programmare quando poi la vita ti stravolge tutto. Tutto fa esperienza anche questo. Intanto abbiamo una bambina che sta ovunque senza problemi. E per noi è già un valore aggiunto. Poi aspettiamo di vincere il superenalotto e di svoltare…:-D

io

 

Come ti sei sentita quando hai scoperto di essere incinta?

La donna più felice del mondo. Erano 3 mesi che ci provavamo, niente rispetto a molte altre coppie. Ma abituata ad avere sempre tutto sotto controllo, quei due mesi di fallimento mi stavano già mettendo un po’ d’ansia. Alla fine passi l’adolescenza bombardata di informazioni del tipo: usa precauzioni altrimenti resti incinta, prendi la pillola altrimenti resti incinta, usa il profilattico altrimenti resti incinta…che quando decidi consapevolmente di non stare attenta pensi che per forza resterai incinta. Invece no. E ci resti male. Tanto che quella mattina il test non lo volevo nemmeno fare perché temevo in un’ennesima delusione.  E invece 3+. Significa che ero già di cinque settimane…

 

Come hai reagito ai cambiamenti del tuo corpo?

Insomma… Sono stata in lotta con la bilancia e con il mio corpo per una vita. Sono una perfezionista, non riuscivo ad accettare certi difetti che ho sempre avuto. Con il pancione, quei difetti sono scomparsi. O meglio si mimetizzavano meglio. Quindi incinta mi piacevo. Il brutto è venuto dopo, quando la pancia bella tesa della gravidanza ha lasciato spazio a quella molliccia del post parto. Ho allattato per 6 mesi e in quei sei mesi mi sono proprio vista brutta. Onestamente, perché negarlo? Fisicamente ero ancora gonfia (e non come Belen che due giorni dopo il parto era perfetta) e in più avevo borse, occhiaie e colorito spento. Un mostro. Non ho una foto mia bella dei primi mesi di Lavinia. Poi a poco a poco ho ricominciato a riprendere i miei spazi e la mia vita e sono tornata quella che ero. Più o meno. Sono più magra di prima (anche se sono molto più molliccia) ma ho anche molte più rughe. Che 4 anni fa di questi tempi, dopo la mia folle estate a Formentera non avevo. Non mi posso certo lamentare, ci sono donne messe molto peggio di me. Certo. Però posso dire che ce ne sono anche molte altre messe meglio? Perché negarlo? Sono una perfezionista, l’ho detto…

 

 

Raccontaci particolarmente divertente con il tuo bambino 

Lavinia è un soggetto da circo. Potrebbe fare il clown. Ha una mimica facciale assurda. Ha un carattere tosto e fa sempre quello che vuole, è testarda e spesso fa i capricci, però quando vuole sa essere davvero molto simpatica. E ama ballare. Quindi appena sente un po’ di musica si butta in pista, che si tratti di una piazza o di un bar o del supermercato, per lei non c’è differenza. Balla. E balla anche bene. La gente si ferma e la guarda. E io muoio dal ridere. L’ho premesso che è un animale da circo…:-D

lavinia buffa

 

Come ti comporti quando tuo figlio fa i capricci?

Sono crudele: per me può urlare quanto vuole, con me non attacca. Attacca solo se sono in un locale stracolmo di gente e allora per evitare di essere fissata da tutti intervengo a calmarla, altrimenti la lascio piangere, anzi frignare. Perché lei è così, è un attrice, fa scene da oscar, ma sono capricci. Quindi non le do retta, così si stufa e si calma. E anzi viene da me a cercare il contatto per fare la pace. Se invece la assecondi continua e non finisce più. E ti sfinisce.

 

Quali sono gli aspetti della maternità che preferisci

Io amo essere mamma, Lavinia è il regalo più bello che la vita mi abbia fatto. Ma non ci sono aspetti particolari che amo della maternità. Amo essere mamma di Lavinia, perché è Lavinia, perché amo Lavinia. Questo amo. Amo quando ridiamo insieme, quando mi abbraccia e mi dice che sono la sua amica, quando balliamo insieme davanti allo specchio. Ma ripeto, è l’essere la sua mamma che mi piace. Di certo non amo svegliarmi la notte o dover organizzare cose che prima invece mi lasciavano libera di spaziare. Forse se mi avessi chiesto gli aspetti che non amo, avrei avuto più dettagli specifici…:-D

 

Quali sono invece le parti più dure dell’essere mamma?

Sicuramente il non poter proteggere tua figlia dalle cose brutte della vita. Il senso di impotenza che provi quando stai male e non sa cos’ha. Il dover decidere per lei se vaccinarla o meno, sperando in cuor tuo di fare la scelta giusta. E poi le ore di sonno perso. Io credo che sia faticoso davvero diventare mamma. E’ un cambiamento drastico. Bellissimo, certo, ma anche davvero faticoso. Soprattutto se hai un bambino che non dorme dalle 22 alle 8, come le amiche più fortunate raccontano di avere, e devi svegliarti a ripetizione per farlo riaddormentare. Io notti non ne ho mai perse, ma Lavinia ha avuto il sonno disturbato per 30 mesi. Per 30 mesi non ho dormito otto ore di fila, e la mattina andavo a lavorare. Ecco questo è stato difficile. E capisco le mamme che si esauriscono per la mancanza di sonno, perché anche io sono stata spesso nevrotica, intrattabile e stanca. Ma ragazze, la qualità del sonno fa la differenza. Io lo posso dire. Come posso dire che ad un certo punto il corpo si abitua e i bambini per fortuna/purtroppo crescono. E dormono.

 

Qual è il giorno perfetto in famiglia?

Noi siamo una famiglia zingara, siamo sempre in viaggio, abbiamo tre case, due città, parenti sparsi da salutare, insomma, non esiste una domenica tranquilla passata a sfornare biscotti e guardare un film. Il giorno perfetto a casa nostra non esiste. Esiste una moltitudine di giorni perfetti e diversi. Incasinati, confusi, incastrati.

noi3

 

Quale aspetto di te che preferisci e che vorresti trasmettere a tuo figlio?

Questa è facile. Vorrei che Lavinia imparasse a stare bene anche da sola. Prima di conoscere Giacomo io sono stata single per quattro anni. Vivevo da sola e stavo bene anche a casa mia, da sola, senza dover per forza inventarmi qualcosa per il fine settimana. Avevo amiche invece che dovevano uscire per forza perché altrimenti impazzivano. Io no. Ecco vorrei che Lavinia imparasse a bastarsi. Ovvio che me la immagino circondata da un milione di amici, socievole, festaiola, certo. Ma vorrei fosse anche capace di stare da sola senza spaventarsi, senza annoiarsi. Il tempo per se stessi, secondo me, è basilare per imparare a conoscersi davvero. Per poter essere davvero indipendenti, qualità che io amo di me e che spero di trasmetterle.

 

 

Parlaci del tuo blog, quali sono gli argomenti che le tue lettrici o i tuoi lettori preferiscono?

Io mio blog è un diario. Dove si parla di tutto. Non è un blog classificabile. C’è la moda ma non è un fashion blog, si parla di viaggi, ma non è un blog di viaggi. E’ una raccolta di esperienze, di episodi che accadono nella mia vita da mamma e non. Si ride e si piange. E’ una testimonianza. E’ un condividere con altre persone il mio personale. Posso raccontare una cosa divertente e far sorridere, ma allo stesso tempo scrivo di un tema più delicato e so commuovere. Spazio, ed è ciò che più amo del mio blog. I miei lettori mi dicono spesso che so arrivare al cuore di chi legge. Ecco questo è il complimento più bello.

 

 

Nomina tre mamme blogger da far conoscere ai nostri lettori.

Eva di Il frutto della passione http://www.ilfruttodellapassione.com un blog che ho appena scoperto e che amo perché Eva è una donna incredibile.

Giorgia di Ninnananna Ninna http://ninnanannaninnao13.blogspot.it/

Valentina fondatrice di Parola di mamma, una community di cui faccio parte  http://paroladimamma.net

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

cheap moncler,ralph lauren italia shop online,louis vuitton outlet,cheap michael kors purses,north face sale uk



'Mamma dal primo sguardo' non ha commenti

Commenta per primo questo post!

Commenti?

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.