cheap christian louboutin , christian louboutin sale, cheap ralph lauren, ralph lauren sale, Cheap Michael Kors, Michael Kors Australia, christian louboutin ouetlet uk Picci Blog / Perché utilizzare un cuscino riduttore - Picci Blog
Cuscino-Riduttore

Perché utilizzare un cuscino riduttore

Quando c’è un bebé in arrivo, casa si riempie di ogni sorta di aggeggi.

Passeggino, montagne di pannolini, fasciatoio, culla e chi più ne ha più ne metta.

C’è chi inizia ad arredare in anticipo quella che diventerà la sua cameretta, chi aspetta di arrivare a ridosso della nascita per farlo, chi invece lo farà quando il bimbo sarà già un po’ più grande.

Indubbiamente, questo grande evento comporta tanti cambiamenti all’interno delle mura domestiche, ecco perché è fondamentale pensare a tutto e non lasciare niente al caso.

Sarebbe opportuno mettere da parte, nei limiti del possibile, quelli che sono i nostri gusti e desideri in tema di arredamento: la sicurezza e i bisogni del nuovo arrivato vengono prima di tutto!

Fra le tante spese che una coppia di futuri genitori deve affrontare nel corso della gravidanza, per preparare l’ambiente che, in casa, accoglierà il nascituro, sicuramente ci sono accessori, spesso sottovalutati, che non molti considerano come indispensabili ma che in realtà servono eccome per la sicurezza dei bambini.

Un esempio tra tutti, il riduttore per culla o lettino.

Come suggerisce il termine, il riduttore è uno strumento che serve a diminuire sensibilmente le dimensioni del lettino dove il bambino dormirà.

Il vantaggio principale nell’utilizzo del riduttore è proprio quello di proteggere il bimbo dagli urti, soprattutto nei primissimi mesi.

Il riduttore per culla o lettino quindi, non è altro che una sorta di cuscino da inserire nel letto piccolo per i primissimi mesi di vita del neonato.

Il suo utilizzo è consigliato fino ai primi due o tre mesi, periodo in cui il bambino ancora si muove pochissimo.

Lo scopo primario è quello di dare sicurezza al bambino, proteggendolo dagli urti, ricreando al tempo stesso un ambiente in cui si senta al sicuro e protetto, tenendo presente che, fino a poco tempo prima, il piccolo si trovava nel grembo materno, perciò in un ambiente ristretto, non ampio come la culla.

Indispensabile, quindi per prevenire rischi, soprattutto quando il bimbo inizia a muoversi maggiormente, man mano che cresce.

Non solo per il bimbo quindi, ma utile anche per i genitori: il riduttore infatti protegge il bambino e di conseguenza anche mamma e papà. Vederlo dormire tranquillamente in un ambiente che lui reputa sicuro, non può che far dormire sonni tranquilli anche ai genitori.

Tanti sono i modelli che potete trovare in commercio, tutti con la stessa funzione: potete scegliere un bombolino riduttore, realizzato con materiali anallergici e antisoffocamento, da inserire nel lettino al medesimo scopo di ridurre lo spazio a disposizione, e creare un ambiente che contenga adeguatamente il neonato, oppure un vero e proprio cuscino/materassino riduttore come i NannaDì.

 Ideali per la nanna dei più piccoli, i riduttori NannaDì sono pensati per stimolare il riposo e favorire la posizione supina (a pancia in su), come consigliato dall’American Academy of Pediatrics per il primo anno di vita.

Si possono utilizzare per il co-sleeping nel letto di mamma e papà, delimitando uno spazio sicuro per il neonato, oppure come riduttore da inserire all’interno del lettino o della culla. In entrambi i casi NannaDì è perfetto per mantenere in posizione protetta il bambino e per farlo sentire coccolato.

Dopo i 6 mesi del bambino, il riduttore Nannadì si può utilizzare anche come area relax, trasportabile facilmente e adagiabile su ogni superficie.



'Perché utilizzare un cuscino riduttore' non ha commenti

Commenta per primo questo post!

Commenti?

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.